26° Premio Internazionale Giovani e Poesia Triuggio

Alla 26° Edizione del Premio Internazionale “Centro Giovani e Poesia-Triuggio” hanno partecipato n.766 autori con un totale di 722 composizioni. La presenza estera è stata la seguente: n.165 dalla Romania, n.161 dalla Bulgaria, n.32 dal Marocco, n.12 dalla Ucraina, n.10 dal Bangladesh e dal Pakistan, n.7 dal Senegal, n.6 da Moldova, Albania e Benin, n.5 dalla Russia, n.4 da Francia, Egitto e Ghana, n.3 da Cina e Giappone, n.2 da Camerun, Equador e India, n.1 da Germania e Polonia, per un totale di 446 autori. https://centrogiovaniepoesia.org/2017… La graduatoria è stata la seguente: SEZIONE A (sino a 12 anni) 3° “ – ALEXANDRA MARIA CUREA di Brasov (Romania) 4° “ con Menzione D’Onore – PETRA ANA MIRICA BOBIT di Galati (Romania) SEZIONE B (Speciale Scuole) 4° “ con Menzione d’Onore – SCUOLA “SFANTA VINERI” (classe preparatoria D) di Ploiesti (Romania) SEZIONE C (dai 13 ai 17 anni) 1° Premio – CLAUDIU IULIAN BARDAN di Suceava (Romania) 2° “ – ROXANA NAOMI IVANCIUC di Suceava (Romania) 3° “ – IOANA CRISTIANA BADEA di Craiova (Romania) 6° “ con Segnalazione di Merito – TEODORA HARABOR di Brasov (Romania) SEZIONE D (dai 18 anni in avanti) 7° “ con Diploma di Segnalazione,ex aequo – MARIA POPESCU di Brasov (Romania) SEZIONE F (foto-poesia/in memoria di Angelo Villa) 3° “ – ANGI MELANIA CRISTEA di Craiova (Romania) SEZIONE G (Speciale ANMIG) 2° “ – MAGDALENA HARABOR di Brasov (Romania) Premio “In memoria di Ettore Villa-miglior giovane autore” a CLAUDIU IULIAN BARDAN di Suceava (Romania) LUCA STEFAN di Brasov (Romania) Premio “Poesia dei Popoli-in memoria di Alfredo Pirola ” a ANCA MIHAELA BRUMA di Onesti (Romania) MARIA DOINA LEONTE di Suceava (Romania) Premio “In memoria di Eugenio Bentivegna-miglior testo di giovane autore straniero” a LUCA STEFAN di Brasov (Romania) #feliciafotoreporter©

Annunci

Verona: 4° Edizione Festival della camicia folkloristica romena (ia)

 

“Il Festival dell’ IA, la camicia storica tradizionale del popolo romeno che viene ormai riconosciuta e celebrata al livello universale il 24 giugno. organizzata ogni anno egregiamente da Zlatov Claudia (Corallo Eventi Verona) Hanno partecipato il Gruppo Folcloristico Romeno “Dagli Antenati Tramandato”, il Gruppo”Mugurasii di Verona”, le canzoni folkloristiche con Silvia Semeniuc,Simina Iancu,Ghita Birne, Tofan Marcel, Dan & Mariana Cretu, Maria Ardeleanu Divo’s Pasticceria, con i dolci e salati tradizionali Cozonaci secuiesti-kurtos, preparati da Alexandru E Ioana. costumi tradizionali di Maria Morar che arrivano direttamente dalla Romania, sempre dalla Romania anche Diana Albu con tanti costumi, camice e oggetti artigianali tradizionali. L’evento è stato patrocinato dal Consolato Generale della Romania a Trieste La parrocchia ortodossa del territorio con il parroco Gabriel Codrea, sostiene tutti gli anni questo tipo di iniziative. Un evento riuscito ed organizzato ogni anno anche grazie agli sponsor, l’agenzia di trasporto internazionale ATLASSIB e la compagnia di telefonia mobile DIGI MOBIL. picsart_06-08-12.26.42.jpgATLASSIB fa parte del holding Atlassib, ed è la più grande agenzia di trasporti della Romania, si occupa del trasporto dei viaggiatori a livello internazionale dal 1993, con 160 uffici aperti in Europa e più di 1.150 pullman. picsart_06-08-12.27.40.jpgDG MOBIL nasce da RCS & RDS, presente in 8 paesi in Europa, un operatore di servizi e telecomunicazioni in Romania, fondato nel 1994. Oggi DG MOBIL è diventata la più grande compagnia di telefonia mobile in Romania con copertura anche in Italia da 5 anni grazie all’accordo con TIM!

Doina Strulea e Alexandru Cazacu sono i vincitori del Concorso Letterario “Te iubesc!

C O N C O R S O  L E T T E R A R I O “Te iubesc! – Ti amo!” passione e sentimento.

Premio Letterario Ovidio 2017, ideato dall’Associazione Socio-Culturale Ovidiu di Sulmona in occasione del Bimillenario Ovidiano.

Doina Strulea ha vinto il I premio e Alexandru Cazacu II premio.

Video reportage PRO TV Chișinău

Sursa video http://osearaperfecta.protv.md/doina-strulea-si-alexandru-cazacu-invingatori-la-un-prestigios—1873921.html

La manifestazione è stata promossa e patrocinata dal Comune di Sulmona, Fondazione Carispaq (Aq), l’Associazione di Promozione Sociale Moldbrixia di Brescia, l’Associazione Asso Moldave di Roma, il Comitato Metamorphosis – Beyond the Shape di Sulmona , l’Associazione Voci di Donne, , l’APC, Agenzia Promozione Culturale di Sulmona, la Casa editrice Lupi Editore, realizzata con la preziosa collaborazione dell’Istituto d’Istruzione Superiore Ovidio di Sulmona, la scuola di danza Dance Center di Nanda Colangelo. Il Concorso è stato bandito su tutto il territorio nazionale e ha visto la partecipazione di oltre trenta concorrenti, italiani e di lingua e cultura romena essendo previste 2 sezioni, la prima per autori italiani, la seconda per autori di lingua romena. Il tema del concorso è stato l’amore. Il modello poetico, anche in chiave figurativo (mitologia, allegorie ecc.) che ha guidato i partecipanti è stato, nella maggior parte die componimenti, ispirato ad opere ovidiane o al mondo ovidiano. Tutte le opere partecipanti al Concorso saranno raccolte ed edite dalla Casa Editrice Lupi di Sulmona (Aq) in formato e-book. Presentatrice della serata Fiorenza Quadraro mentre la regia dell’evento è stata affidata a Tania Mastrangioli. Pasquale Di Giannantonio hs presentato la sua voce per la lettura di alcuni brani ovidiani. La giuria ha visto la presenza di nomi eccellenti del giornalismo romeno quali: Alina Harja, scrittrice, giornalista, già Presidente dell’Associazione Interparlamentare Italia-Romania (Roma); Miruna Cajvaneanu, giornalista, corrispondente dell’agenzia romena HotNews.ro. (Roma); Elena Postelnicu, giornalista radiofonica presso Romanian Radio Broadcasting Company / Radio România (Roma). Tra gli ospiti, Tatiana Nogailic, moldava, sociologa, mediatrice Culturale e Presidente dell’Associazione Asso Moldave (Roma).

Prima dello svolgimento della manifestazione, gli organizzatori e i componenti della giuria, rappresentati da giornalisti romeni in Italia, sono stati ricevuti dal sindaco Annamaria Casini nella residenza municipale con cui hanno gettato le basi per sinergie nel nome di Ovidio.

 

http://ilblogdijacopolupi.blogspot.it/p/eventi-e-concorsi.h

Festa tradizionale romena a Ormelle I-a edizione 2016

Domenica 18 settembre 2016 si è svolta a Ormelle (Provincia di Treviso) la prima edizione della festa tradizionale romena, evento organizzato con succeso dall’ imprenditrice Lucica Burlan con il sostegno del Comune e degli sponsor che hanno aderrito alla manifestazione.
Sebastiano Giangrave, sindaco del comune di Ormelle ha sostenuto fin dall’inizio l’idea di organizzare una festa tradizionale per la comunità romena,presente nel territorio, alla quale ha partecipato con grande entusiasmo insieme alla presenza del Console generale Dott. Calin Mihail Bichis del Consolato Generale della Romania a Trieste ed altre autorità.

Il Centro Culturale Italo-romeno di Milano per l’occasione ha donato ad entrambi il libro “Andiamo in Romania”, consegnati dalla reporter Felicia Chi, con i ringraziamenti da parte della pres. Violeta Popescu.

Oltre al cibo tipico tradizionale del Bar Centrale, le persone hanno potuto ammirare la presenza degli stand con oggetti artigianali e costumi tradizionali.
Ad animare la festa con la loro presenza ed i balli folkloristici sono stati i ballerini del gruppo “Dagli Antenati Tramandato” con Clement Dobos, che hanno fatto da cornice durate tutta la manifestazione.
Durante la manifestazione si è svolta anche una sfilata di costumi popolari tradizionali con la premiazione del miglior costume che nella giuria ha visto la presenza di Zlatov Claudia e il sindaco di Ormelle. Il premio alle vincitrici è stato offerto da S.p.a. Alytherapy.
Non è mancata la musica popolare tradizionale interpretata da alcuni artisti romeni con la loro splendida voce tra cui Silvia Ivan, Tofan Marcel, Florin Paul sassofono e la piccola Anda Dobos.

La festa si è conclusa con il taglio della torta offerta dalla Divo’s Pasticceria.
Partecipanti S.p.a. Alytherapy, Zurich Assicurazioni, Cornelia Rosca costumi, Diana Albu artigianato, Divo’s Pasticceria dolce e salato tradizionale romeno con Zina Vicol, ELI.S.RO. di Asavi Maricica di Oderzo con prodotti tipici, Fiorreria L’Orchidea di Lorenzon M. & C. , Siriana Rizzetto con giocchi gonfiabili e truccabimbi.

Verona: 3° Edizione Festival dell’ia la camicia folkloristica

Per il terzo anno consecutivo si è svolto a Verona il festival dell’ia la camicia tradizionale più storica che rappresenta il popolo romeno.

Zlatov Claudia di origine romena residente a Verona, da tanti anni ormai promuove e organizza eventi nella comunità romena presso lo spazzio (Corallo Eventi Verona) , tra qui il festival dell’ia la camicia artigianale ricamata che si celebra il 24 giugno, tanto amato e desiderato dalla comunità.

MUDEC Milano – “Femminilità e Decorazione”

picsart_02-28-02.14.38.jpg
Inaugurazione della mostra “Femminilità e Decorazione” al MUDEC aperta fino al 13 marzo.
In occasione della Festa del Mărţişor, presso lo Spazio delle Culture del MUDEC – Museo delle Culture di Milano, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, il Museo Nazionale del Villaggio “Dimitrie Gusti” di Bucarest, il#MUDEC, in collaborazione con il Forum della Città Mondo e l’Associazione Città Mondo, in partenariato con il Centro Culturale Italo–Romeno di Milano con la pres. #VioletaPopescu e il Consolato Generale di #Romania a #Milano, hanno organizzato la mostra etnografica romena “Femminilità e Decorazione”La mostra presenta una selezione dei più belli e rappresentativi oggetti di patrimonio provenienti dalle collezioni del Museo Nazionale del Villaggio “Dimitrie Gusti” di Bucarest, e metterà in luce la creatività e la cura con cui ogni donna adorna la sua casa e se stessa: abiti tradizionali provenienti da varie regioni della Romania, copricapi, sciarpe, alcuni pezzi di arredo, tessuti e ornamenti. L’originalità degli oggetti esposti e l’armonia cromatica del vestiario sono completate dalla bellezza delle pettinature in voga nelle varie regioni della Romania e dei gioielli utilizzati per realizzarle.
Realizzata con il sostegno dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, la mostra sarà aperta presso lo Spazio delle Culture del MUDEC, nel periodo 28 febbraio–13 marzo 2016 con i seguenti orari: lunedì dalle 14.30 alle 19.30 – martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 10.30 alle 19.30 – giovedì e sabato dalle 10.30 alle 22.30.
«Per i romeni il primo giorno di marzo è il sinonimo della festa del Mărţişor (diminutivo di “martie” – marzo). Il mărţişor, simbolo della primavera, si confeziona con dei fili bianchi e rossi, di cotone o seta, intrecciati in un cordoncino che si lega a forma di otto. A questo cordoncino si appende un ciondolo portafortuna che può assumere diverse forme simboliche (un tempo monetine d’oro o d’argento, ma anche fili di erba, germogli o fiori; oggi fiori, animaletti, cuoricini, ecc.). Le tradizioni popolari dicono che chi indossa il “mărţisor” sarà fortunato e in salute per tutto l’anno. Oggi l’usanza consiste nel donare questo ciondolino con il suo fiocco bianco e rosso a tutte le donne, dalle nipoti alle nonne, come augurio di buona fortuna, amore e di buon inizio di primavera».
https://www.facebook.com/events/132015403852409/
www.culturaromena.it
www.divospasticceria.comfoto di feliciafotoreporter.com©
picsart_02-28-01.09.28.jpg

 

picsart_02-28-01.43.00.jpgpicsart_02-28-01.58.30.jpgpicsart_02-28-01.25.11.jpgpicsart_02-28-12.27.52.jpgpicsart_02-28-12.35.01.jpgpicsart_02-28-01.52.20.jpgpicsart_02-28-01.13.01.jpgpicsart_02-28-02.44.29.jpgpicsart_02-28-12.33.48.jpgpicsart_02-28-01.11.02.jpgpicsart_02-28-01.56.59.jpgpicsart_02-28-01.01.00.jpgpicsart_02-28-01.14.27.jpgpicsart_02-28-01.54.24.jpgpicsart_02-28-01.20.36.jpgpicsart_02-28-12.30.27.jpgpicsart_02-28-12.36.18.jpgpicsart_02-28-12.53.09.jpgpicsart_02-28-12.47.27.jpgpicsart_02-28-02.10.21.jpgpicsart_02-28-01.45.45.jpgpicsart_02-28-01.04.19.jpgpicsart_02-28-12.40.25.jpgpicsart_02-29-10.21.03.jpgpicsart_02-29-10.26.13.jpgpicsart_02-29-10.29.17.jpgpicsart_02-29-10.28.31.jpgpicsart_02-29-10.27.26.jpgpicsart_02-28-02.09.22.jpgpicsart_02-29-10.19.26.jpg

Concerto Enescu 60 a Milano

Si è svolto  presso l’AUDITORIUM SAN FEDELE di #Milano il concerto ad alta rappresentazione artistica per i 60 anni dalla morte del piu importante musicista del popolo romeno: il compositore, il violinista e direttore d’orchestra George Enescu.

wpid-fb_img_1447788873765.jpg

L’evento ha avuto come protagonisti due tra i piu conosciuti solisti romeni contemporanei: il violinista Remus Azoiței ed il pianista Eduard Stan. Nel 2005, i due musicisti hanno registrato insieme, in premiera mondiale, l’integrale delle composizioni per violino e pianoforte di George Enescu, evento che ha ricevuto critiche entusiaste nelle rassegne di specialita del mondo intero.

wpid-fb_img_1447788877650.jpgwpid-fb_img_1447788921531.jpg

Questo regalo musicale d’eccezione per il pubblico romeno ed italiano e stato realizzato in collaborazione con l’Istituto Culturale Romeno, il Consolato Generale di Romania a Milano, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia ed il Padiglione della #Romania all’#Expo Milano 2015.

wpid-fb_img_1447788885202.jpgwpid-fb_img_1447788906480.jpgwpid-fb_img_1447788888367.jpgwpid-fb_img_1447788916471.jpg

foto #feliciafotoreporter @gmail.com

Expo, giornata nazionale della Romania con Cindrelul Junii Sibiului” su YouTube

EXPO MILANO 2015, CELEBRATO IL NATIONAL DAY DELLA ROMANIA, “IL GRANAIO D’EUROPA”

“Se tutte le strade portano a Roma, tutte le buone idee vengono da Expo Milano 2015”. Con queste parole il Presidente della Camera dei Deputati, ValeriuZgonea, ha aperto ufficialmente le celebrazioni del National Day della Romania.

A fare gli onori di casa, oltre al Commissario Generale di #Expo Milano 2015, Bruno Pasquino, il Vice Ministro per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Andrea Olivero, che ha voluto rimarcare i consolidati rapporti di amicizia tra Italia e Romania: “Le relazioni economiche tra i due Paesi sono in forte crescita con un interscambio di 12 miliardi di euro nel 2014, 7% in più rispetto al 2013. L’Italia è il secondo partner commerciale del Paese, dietro solo alla Germania. Tra i settori più promettenti c’è l’agroindustriale, un asset strategico per l’economia romena, in considerazione dell’eccellente qualità del terreno. L’Italia è al primo posto con quasi il 30% del totale dei terreni agricoli romeni posseduti da stranieri. La Romania ha quindi tutte le possibilità per diventare il granaio d’Europa – ha aggiunto Olivero -. Queste grandi potenzialità rendono la vostra presenzaall’Esposizione Universale di estrema importanza e testimoniano il ruolo che Bucarest può svolgere nel percorso che porta ad una completa sostenibilità dello sviluppo agricolo”.

Il rapporto di vicinanza e stretta collaborazione tra i due paesi è stato ribadito anche da Valeriu Zgonea: “La Romania sostiene lo sviluppo e la diversificazione della cooperazione economica, particolarmente nel settore dell’energia, nell’agricoltura e nel settore bancario. Siamo all’esposizione più importante del pianeta, che rappresenta un luogo di confronto e idee per trovare soluzioni che permettano di vivere in un mondo sicuro e sano. Ilnostro dovere è creare le condizioni necessarie per la produzione, lavorazione e distribuzione alimentare equilibrata”.

Il programma della giornata è continuato con gli spettacoli di musica e balli tradizionali romeni realizzati dal gruppo “Junii Sibiului” (I giovani di Sibius) e con una serie di incontri dedicati al rafforzamento degli scambi economici: il Forum Business and Investment, organizzato dalla Camera di Commercio e dal Ministero per gli affari esteri della #Romania, e il Lombardy Business Day, in collaborazione con Regione #Lombardia.

video riprese e montaggio di: https://www.facebook.com/felyvideoreporter

Expo, Cibo e malattia. Dov’è il confine? con Dott Gheorghe Cerin cardiologo” su YouTube

Cibo e malattia; dov’è il confine?
Conferenza presentata all’‪#‎expo‬ nel padiglione ‪#‎Romania‬ dal dott. Gheorghe #CERIN, cardiologo e primario di cardiologia, con oltre vent’anni di attività. È stata un’occasione di riflessione, dialogo e approfondimento sul tema della salute connessa all’alimentazione, uno degli argomenti principe in dibattito all’#EXPO #Milano 2015.
Il nesso tra cibo e salute rappresenta un tema di grande attualità apre un dibattito nella nostra società cosi frenetica e stressante. Che rapporto potrebbe nascondersi fra le malattie cardiovascolari, sovrappeso e/o obesità, diabete o ipertensione e il “nostro pane quotidiano”? Quanto potrebbe incidere sulla nostra salute il cambiamento della nostra nutrizione attuale? Era più sano il cibo dei nostri nonni? E il cibo ‘industriale’? Era meglio forse quello ‘casalingo’? Esiste un fenomeno di dipendenza da cibo alle radici dell’obesità? Solo soltanto alcuni degli argomenti approfonditi dal dott. Gheorghe CERIN, nella sua presentazione.
Il dr. Cerin da anni è impegnato a sensibilizzare il pubblico romeno e italiano su questo interessante ed attuale argomento, attraverso conferenze e dibattiti organizzate nei più svarianti siti: dalle sale congressi, alle chiese oppure alle palestre.
Evento organizzato dal Centro Culturale Italo Romeno in collaborazione con Il Padiglione della Romania, Cardioteam Foundation onlus e Policlinico di Monza, e presidio Clinica San Gaudenzio di Novara.
http://culturaromena.it/

video riprese e montaggio di: https://www.facebook.com/felyvideoreporter