Mostra di pittura con Cristina Lefter e Nelu Pascu 

Mostra di pittura contemporanea – Viaggio nei colori e un selfie con Donald J. Trump e Vladimir Putin, un progetto a quattro mani realizzato da Nelu Pascu e Cristina Lefter. La mostra, concepita ad hoc per la GALLERIA senza GALLERISTA, vede il colore come protagonista trait d’union tra i due artisti, nonostante i loro diversi percorsi stilistici.




La mostra, nei pressi di Porta Venezia, è un intreccio di due viaggi, quello di Nelu Pascu e quello di Cristina Lefter, artisti affermati in Romania, Italia e all’estero; due viaggi in cui il colore – declinato nei riflessi, luci, ombre e spaziando dalla violenza alla delicatezza cromatica, dipinge una fotografia sociale in cui i ‘selfie’, Donald Trump For President e Vladimir Putin European Support The International Movement / Международное Движение “For Vladimir Putin” fanno parte di una cultura e di una realtà ormai globale.
https://www.oeshub.com/arte-contemporanea



Le opere dei due artisti Cristina Lefter e Nelu Pascu sono esposte in una galleria senza gallerista,  aperta al pubblico dal 2 al 21 febbraio 2017 in via Eustachi 7 Milano, zona Porta Venezia.









foto © #feliciafotoreporter

Annunci

TVR international intervista Violeta Popescu del CCIR 

​TVR i  (televisione internazionale romena).Corespondent TVRi

La giornalista Corina Dobre intervista la pres. del Centro Culturale italo romeno di Milano, Violeta Popescu, che racconta 8 anni di attività del centro culturale, celebrati questo mese. 

culturaromena.it 

Grazie agli eventi culturali proposti ed organizzati in 8 anni, Violeta Popescu è riuscita a  cambiare tanto la prospettiva degli italiani nei confronti della comunità romena. 

Nella foto gli autori del libro Milano Multietnica, Donatella Ferraio e Fabrizio Pesoli, un libro che rracconta le comunità straniere ed in quale Violeta Popescu ha dato il suo contributo parlando della comunità romena.

Il centro culturale è diventato un punto di riferimento importante per la comunità e per le autorità del territorio, lo dimostra la presenza sempre più frequente della consigliera comunale Diana De Marchi per la commissione Pari Opportunità e Diritti Civili, alla quale porgiamo i nostri più cordiali ringraziamenti.

Buon Natale e felice 2017!

Foto durante il ricevimento della Giornata Nazionale della Romania con Violeta Popescu, Diana De Marchi, Marco Tizzoni e il neo console generale del Consolato romeno a Milano Adrian Georgescu. 

 Video
 

Cultura tradizione e solidarietà a Torino con Reghina Belei

La comunità romena di Torino riunita in una domenica di festa che nel calendario ortodosso si trova come San. Michelle e Gabrielle. Una serata culturale di spettacolo e musica che ha riunito tutte le associazioni culturale romene della zona, ospitata nel Teatro Piccolo Valdoco di Torino.
wpid-picsart_1447025117001.jpgOccasione in cui la cantante di musica popolare, Reghina Belei, ha promosso il suo nuovo album “Am venit la voi cu drag”, accompagnata da ballerini in costume tradizionale. Tra gli ospiti non poteva mancare la dott.ssa Luminița Sanda HRIȚULEAC, del consolato romeno a Torino, che ha aperto la serata con un minuto di silenzio in memoria dei giovani ragazzi che hanno perso la vita nel terribile incendio a Bucarest.
Tra i partecipanti sono stati presenti il gruppo di ballo folcloristico “Dagli antenati tramandato”, i cantanti popolari della band ” Ardealul din Milano”, Dinu e Adelina Hapenciuc, i cantanti Gicu Pitirut, Roxana Corban, Cecilia Luca, Dana Gavriliu Parfene, Gabriela Avram e il coro della chiesa Santa Parascheva.

wpid-picsart_1447028882805.jpgEvento organizzato dalla cantante Aurora Pala in collaborazione con la Chiesa ortodossa romena “Sf. 40 de mucenici din Sevastia”, chiesa unica in Italia come architettura con il suo stile di zona Maramures- Romania, rappresentata da Parocco Marius Floricu.

wpid-picsart_1447026175544.jpgwpid-picsart_1447024203209.jpgwpid-picsart_1447025067617.jpgwpid-picsart_1447023316019.jpgwpid-picsart_1447024101434.jpgwpid-picsart_1447023438854.jpgwpid-picsart_1447025689958.jpgwpid-picsart_1447026366382.jpgwpid-picsart_1447025451110.jpgwpid-picsart_1447024422626.jpgwpid-picsart_1447025382019.jpgwpid-picsart_1447026067631.jpg

wpid-picsart_1447023146093.jpgwpid-picsart_1447029240497.jpgwpid-picsart_1447028919861.jpg

 

 

Verona: alla festa dei popoli spiccano i colori del tricolore romeno!

Alla Festa dei Popoli di Verona , non poteva mancare anche la Romania,  rappresentata dalla comunità numerosa sul territorio,  tra balli canti e costumi tradizionali con la bandiera tricolore, come se volessero gridare al mondo –  “siamo fieri di essere romeni”!

La parte artistica è stata coordinata da Zlatov Claudia, che ha reso ancora più speciale ed emozionante la partecipazione a questo evento unico e significativo per tutta la comunità!

11377286_983985591651553_2374204802762716549_n

1524932_983990134984432_8753798057385261802_n11225272_983980914985354_4866349268456433694_n

Un forte messaggio di cultura e solidarietà arriva dalla comunità romena di Verona durante la Festa dei Popoli, un’evento dove le persone si incontrano si conoscono mettendo alla luce del sole i colori dei loro costumi e delle loro tradizioni.

La domenica a Villa Buri diventa da una parte l’opportunità in cui i rappresentanti delle diverse culture possono raccontarsi, dall’altra un’occasione per i cittadini veronesi di conoscere le tradizioni, le storie ed i profumi per vincere i pregiudizi.

Il Centro Missionario Diocesano è l’organismo coordinatore della Festa dei Popoli. Promuove l’incontro delle varie associazioni e organismi, con essi prepara l’organizzazione e i contenuti.

11249560_983990818317697_6612022396507628755_n

11215707_983985018318277_5919895976023600724_n11377074_983987818317997_245712242253795683_n

La Festa dei Popoli si propone di educare alla  mondialittà e alla gioia dello stare insieme. Ciascuno allo stesso livello porta i suoi doni di cultura i suoi valori sociali e religiosi, le sue espressioni di gioia e dì vita, Si eviti ogni strumentalizzazione politica di parte o di interesse.

La Festa dei Popoli si propone con iniziative diverse, che coinvolgono la nostra società e la Chiesa locale di promuovere l’attenzione alle minoranze, il rispetto di altre razze, culture e religioni, di fare sensibilizzazione attraverso i mass-media all’accoglienza e alla solidarietà. La Festa dei Popoli è il momento dove tutti i popoli, organismi, associazioni che promuovono i valori umani, sociali e cristiani si ritrovano per esprimere nella gioia il loro impegno all’amore e alla fratellanza universale.

10409236_983987628318016_7430814529276534126_n

ORGANIZZATA DA: Centro Pastorale Immigrati Centro Missionario Diocesano Caritas Diocesana Veronese Missionari Comboniani Cestim Associazione degli Immigrati Movimento dei Focolar

http://www.giovaniverona.it/articolo/festa-dei-popoli-2015/339

http://www.lafestadeipopoli.it/verona/?page_id=31

 

SFILATA E BALLI TRADIZIONALI DI FOLCLORE ROMENO a Milano

PicsArt_1424635394894SFILATA TRADIZIONALE DI FOLCLORE ROMENO con il Gruppo Folkloristico tradizionale romeno,”DE LA BĂTRÂNI CETIRE” httpsa//www.facebook.com/ansambluldelaba­tranicetire/timeline:::https://www.facebook.com/ansambluldel… delabatranicetire@ymail.com La Romania, terra di misteri e di tradizioni incontaminate La storia narra che c’era una volta una terra chiamata Dacia, una delle più ricche d’Europa. Il popolo che vi abitava giunse sotto lo scettro del re Burebista al pieno riconoscimento come forza spirituale e di stabilità nella zona che dal Mar Nero, passando per Carpazi e arrivava fino all’odierna Ungheria. I daci erano gente paifica che aveva scelto (prima ancora della diffusione del cristianesimo) come fonte spirituale gli insegnamenti di Zalmoxis, successore spirituale di Deceneo. Con la morte del re Burebista parte del regno si sgretolò. Qualche anno dopo, l’imperatore romano Traiano iniziò una campagna lunga 6 anni per annettere la Dacia. Ci riuscì, principalmente come impresa economica sollevando così, per un altro po’, le finanze dell’oramai morente impero. Ma i daci non se la sono presa tanto per la perdita del loro oro. Nei pochi anni che seguirono la ritirata dell’Impero Romano, i daci hanno imparato tutto quello che hanno considerato necessario dai romani; amministrazione, tecnica militare e la scrittura latina. Non per caso, 1700 anni dopo circa, lo Stato moderno formato nelle frontiere della Dacia fu chiamato Romania. Questa terra di misteri, con le antiche province di Transilvania, Valacchia, Dobrogea o Moldavia, oggi dimostra che ha saputo conservare le sue tradizioni come altri pochi popoli in Europa. E per questo i romeni ne vanno fieri. testo di Roxana Macovei foto feliciafotorepoter

video riprese e montaggio di: https://www.facebook.com/felyvideorep…PicsArt_1424638310407PicsArt_1424640003711PicsArt_1424640374029

PicsArt_1424638252386

21 marzo 2015. INVITO: Dialogo poetico italo-romeno in occasione della Giornata Mondiale della Poesia

11041808_892855687422730_2047544258259176833_nIn occasione della Giornata Mondiale della Poesia, Il Centro Culturale Italo-Romeno di Milano ha il piacere di invitarvi Sabato, 21 Marzo 2015, ore 16.15, presso il Consolato Generale di Romania, via Gignese 2, alla serata letteraria dal tema:

CLASSICO, MODERNO E VISIVO NELLA POESIA CONTEMPORANEA

Dialogo poetico italo-romeno

Con la partecipazione di:

 v Paola Pennecchi – poetessa

v Daniela Nenciulescu – artista

v Menotti Lerro – scrittore e pubblicista

v Florentina Nita – poetessa

v Marius Chelaru – scrittore, redattore, consulente editoriale

v Alessandro Villa – poeta, pubblicista

E’ per il terzo anno consecutivo che Il Centro Culturale promuove questa iniziativa che si propone di realizzare un incontro con poeti italiani e romeni per una condivisione delle idee ed i valori che li accomunano.

Il tema di discussioni al centro della tavola rotonda offre la possibilità di presentare alcuni dei progetti letterari e dei più recenti libri pubblicati dagli invitati. Con l’occasione l’artista Daniela Nenciulescu farà una donazione di una delle sue opere al Consolato.

L’evento gode del patrocinio del Consolato Generale di Romania a Milano.

Daniela Nenciulescu è un artista di origine romena che vive e lavora a Milano dal 1969. Le sue sculture di ferro e d’acciaio inox, grandi o piccole, prendono forme astratte e suggestive a partire da cilindri metallici sui quali interviene con un unico taglio, preciso e profondo. “Così puri, così corrotti” si intitola la mostra più recente ed il catalogo edito da Rediviva Edizioni nella Collana “Arte e Vita”. Aperta alle sfide nei confronti dei materiali dai quali ricava nuove identità, i toni forti sembrano essersi smorzati all’incontro con la poesia ed avere trovato forme di espressione innovative nei tagli praticati ora nel cuoio e nel cartone. In occasione della Giornata Mondiale della Poesia saranno esposti i suoi libri d’artista, frutto di un lavoro di interpretazione plastica ispirata alle poesie di Florentina Nita e Paola Pennecchi.

Paola Pennecchi nasce a Milano, dove ha lavorato per anni come redattrice, coordinatrice e consulente editoriale per numerosi case editrici tra cui Mondadori, Rizzoli, Condè Nast. Parallelamente alle attività professionali ed ai suoi interessi artistici e letterari, scrive da sempre poesie. Ha partecipato a reading poetici ad Alessandria, in occasione della Giornata Mondiale della Poesia 2012; alla Casa della Poesia di Milano; a Villa Shelley nell’ambito di E-Vento; al Festival letterario Bookcity  di Milano. Finalista al Premio Internazionale “Il mondo delle Idee” – 2013. Sue liriche sono presenti nella raccolta “Nascita della quarta Grazia” a cura di Tomaso Kemeny. Collabora con artisti e poeti del gruppo Mitomodernista. “Traslochi”, sua prima raccolta, con testo in italiano ed inglese, è un libro che si apre alle arti visive grazie alla collaborazione con la fotografa americana Alison Harris ed è diventato anche una mostra alla Galleria Spaziotemporaneo di Milano. Poesia “esposta”, altro tema sul quale l’autrice sta lavorando.

Florentina Nita è una poetessa e giornalista romena che vive in Italia da più di quindici anni, partecipando con entusiasmo alle manifestazioni culturali organizzate dalla comunità romena e di cui si fa spesso ecco in ampie corrispondenze scritte per le riviste e i blog letterari. Ha contribuito con le proprie creazioni letterari ed interviste alla realizzazione del Annuario del Centro Culturale Italo-Romeno “Impronte culturali italo-romene in Italia”. Tra il 2011 e 2015 ha pubblicato in Romania quattro libri di poesia che verranno presentati  per la prima volta in Italia in occasione dell’incontro.

Menotti Lerro è nato a Omignano in provincia di Salerno. Laureato in Lingue e Letterature Straniere, insegna Lingua e letteratura inglese e spagnola in istituti superiori. Ha conseguito un Master of Art in Inghilterra e un dottorato di ricerca sulla poesia contemporanea inglese e spagnola presso l’Università degli Studi di Salerno. È ritenuto “uno dei poeti più interessanti dell’Europa moderna”. Dal 2005 è iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti. Per la casa editrice Genesi di Torino dirige la collana di poesia Poeti Senza Cielo. Ha pubblicato libri di poesia, di prosa, di critica letteraria, di saggistica, aforismi. Le sue opere sono state tradotte in inglese, spagnolo, tedesco e romeno. Il volume Poeme alese, edito da Genesi nel 2013, è un’edizione bilingue romeno e inglese, un progetto coordinato da Lidia Vianu dell’Università di Bucarest.

Marius Chelaru viene dalla città di Iasi, Romania. E’ uno scrittore e pubblicista con un’esperienza pluriennale di lavoro nelle redazioni di riviste letterarie (“Poezia”, “Convorbiri Literare”, “Timpul”, “Cronica”, “Carmina Balcanica”, “Kadō. Calea Poeziei”, “Doina”) e come consulente editoriale per le Case Editrici Junimea, Timpul, Sakura, Parnas. E’ stato il fondatore della rivista “Kadō, Review of Euro-Asiatic Poetry, Poetic Culture and Spirituality” e uno dei co-fondatori della rivista bilingue francese e romeno „Doina” di Parigi e della rivista „Carmina Balcanica”. Ha pubblicato più di 40 libri di poesia, prosa, saggistica, traduzioni, interviste che sono stati anche tradotti in varie lingue europee ed asiatiche. E’ membro dell’Unione degli Scrittori della Romania, della Società Romena di Haiku, della World Haiku Association Japan, della Japan Universal Poets Association, dell’Associazione degli Scrittori di Lingua Romena di Québec.

Alessandro Villa, nato il 27.6.1950, vive e lavora a Triuggio (MB). Giornalista pubblicista e fondatore del “Centro Giovani e Poesia – Triuggio”. Ha promosso iniziative e manifestazioni culturali, quali l’omonimo Premio Internazionale di Poesia, e pubblicato nove raccolte di poesia: Momenti d’Amore, Ed. GR Besana B. ,1983;A cavallo di un Cuore, Ed. ABE FM 88,200, 1984; Attraverso le correnti, Ed. Rebellato, 1986; Cercando Thule, Ed. Bresciane, 1988; Un giorno dopo l’altro, Ed. Il Cittadino della Domenica, 1989; Sussurri e Misteri, Ed. Prometheus, 1991;All’Ombra di Ezechiele, Ed. Prometheus 1993; La Sentinella di Chebàr, Ed. Prometheus, 1995; Sikelaia, Ed. Prometheus, 2004. Alcune sue poesie sono state tradotte e pubblicate in Ucraina, Albania e Romania. E’ presente in: YIP YALE ITALIAN POETRY – volumes V-VI – 2001-2002 (pagg.435-436) – YALE UNIVERSITY; autore de “Giovani e poesia contemporanea in Italia: un viaggio tra sogni, illusioni e tempeste…” (Poeti e Poesia-dicembre 2007) tema di un seminario presso l’Università di Torun (Polonia).

RESPONSABILI PROGETTO: Violeta Popescu e Florentina Nita.

infoculturaromena@gmail.com

RESPONSABILI PROGETTO: Violeta POPESCU e Florentina NITA.

INFO. infoculturaromena@gmail.com

Un ricco buffet di dolce e salato verrà offerto dalla pasticceria artigianale italo-romena DIVO’S CAFFE di Milano (Via Fabbio Filzi 15, Milano)

Vi aspettiamo numerosi per festeggiare insieme la Giornata Mondiale della Poesia!