Presentazione ufficiale a Milano del Padiglione della Romania – Expo 2015

11147081_653282768137077_1263179261013128513_n

 

 

 

Si e svolta presso il consolato romeno di Milano la conferenza stampa di presentazione del Padiglione della Romania – Expo 2015

La Romania vive in armonia con la natura” è il messaggio principale che verrà promosso dalla Romania a Expo Milano 2015, mostra universale con il tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, che si svolgerà dal 1° maggio al 31 ottobre.

In linea con il tema di Expo Milano 2015 ‘”Nutrire il pianeta, energia per la vita”, la Romania vuole diffondere e offrire ai visitatori una complessa prospettiva delle caratteristiche del Paese, delle risorse e delle sue potenzialità.

Dopo il 1989, la Romania ha partecipato a tutte le esposizioni universali organizzate dal BIE (Bureau International des Expositions): Siviglia 1992, Lisbona 1998, Hannover 2000, Aichi (Giapone) 2005; Shanghai 2010. L’obiettivo è condividere l’essenza dello spirito romeno, la coesistenza di biodiversità, il potenziale dell’agricoltura, le pratiche tradizionali, il folklore e la calorosa ospitalità. sono intervenuti: il dott. George Milosan – console generale della Romania a Milano; dott. Georgian Ghervasie – commissario generale del Padiglione della Romania per Expo Milano 2015.

 per altre info visitate il sito www.culturaromena.it

foto di: Danielfoto.it.    blog di feliciafotoreporter

https://www.facebook.com/RomaniaExpo2015 pagina realizzata da feliciavideoreporter socio AIRF

PicsArt_1429792155123PicsArt_1429792201587PicsArt_1429792103512PicsArt_1429792067039PicsArt_1429792103512PicsArt_1429792017871PicsArt_1429795275742PicsArt_1429795250249

foto di: Danielfoto.it.    blog di feliciafotoreporter


SFILATA E BALLI TRADIZIONALI DI FOLCLORE ROMENO a Milano

PicsArt_1424635394894SFILATA TRADIZIONALE DI FOLCLORE ROMENO con il Gruppo Folkloristico tradizionale romeno,”DE LA BĂTRÂNI CETIRE” httpsa//www.facebook.com/ansambluldelaba­tranicetire/timeline:::https://www.facebook.com/ansambluldel… delabatranicetire@ymail.com La Romania, terra di misteri e di tradizioni incontaminate La storia narra che c’era una volta una terra chiamata Dacia, una delle più ricche d’Europa. Il popolo che vi abitava giunse sotto lo scettro del re Burebista al pieno riconoscimento come forza spirituale e di stabilità nella zona che dal Mar Nero, passando per Carpazi e arrivava fino all’odierna Ungheria. I daci erano gente paifica che aveva scelto (prima ancora della diffusione del cristianesimo) come fonte spirituale gli insegnamenti di Zalmoxis, successore spirituale di Deceneo. Con la morte del re Burebista parte del regno si sgretolò. Qualche anno dopo, l’imperatore romano Traiano iniziò una campagna lunga 6 anni per annettere la Dacia. Ci riuscì, principalmente come impresa economica sollevando così, per un altro po’, le finanze dell’oramai morente impero. Ma i daci non se la sono presa tanto per la perdita del loro oro. Nei pochi anni che seguirono la ritirata dell’Impero Romano, i daci hanno imparato tutto quello che hanno considerato necessario dai romani; amministrazione, tecnica militare e la scrittura latina. Non per caso, 1700 anni dopo circa, lo Stato moderno formato nelle frontiere della Dacia fu chiamato Romania. Questa terra di misteri, con le antiche province di Transilvania, Valacchia, Dobrogea o Moldavia, oggi dimostra che ha saputo conservare le sue tradizioni come altri pochi popoli in Europa. E per questo i romeni ne vanno fieri. testo di Roxana Macovei foto feliciafotorepoter

video riprese e montaggio di: https://www.facebook.com/felyvideorep…PicsArt_1424638310407PicsArt_1424640003711PicsArt_1424640374029

PicsArt_1424638252386