Concerto Enescu 60 a Milano

Si è svolto  presso l’AUDITORIUM SAN FEDELE di #Milano il concerto ad alta rappresentazione artistica per i 60 anni dalla morte del piu importante musicista del popolo romeno: il compositore, il violinista e direttore d’orchestra George Enescu.

wpid-fb_img_1447788873765.jpg

L’evento ha avuto come protagonisti due tra i piu conosciuti solisti romeni contemporanei: il violinista Remus Azoiței ed il pianista Eduard Stan. Nel 2005, i due musicisti hanno registrato insieme, in premiera mondiale, l’integrale delle composizioni per violino e pianoforte di George Enescu, evento che ha ricevuto critiche entusiaste nelle rassegne di specialita del mondo intero.

wpid-fb_img_1447788877650.jpgwpid-fb_img_1447788921531.jpg

Questo regalo musicale d’eccezione per il pubblico romeno ed italiano e stato realizzato in collaborazione con l’Istituto Culturale Romeno, il Consolato Generale di Romania a Milano, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia ed il Padiglione della #Romania all’#Expo Milano 2015.

wpid-fb_img_1447788885202.jpgwpid-fb_img_1447788906480.jpgwpid-fb_img_1447788888367.jpgwpid-fb_img_1447788916471.jpg

foto #feliciafotoreporter @gmail.com

Annunci

Cultura tradizione e solidarietà a Torino con Reghina Belei

La comunità romena di Torino riunita in una domenica di festa che nel calendario ortodosso si trova come San. Michelle e Gabrielle. Una serata culturale di spettacolo e musica che ha riunito tutte le associazioni culturale romene della zona, ospitata nel Teatro Piccolo Valdoco di Torino.
wpid-picsart_1447025117001.jpgOccasione in cui la cantante di musica popolare, Reghina Belei, ha promosso il suo nuovo album “Am venit la voi cu drag”, accompagnata da ballerini in costume tradizionale. Tra gli ospiti non poteva mancare la dott.ssa Luminița Sanda HRIȚULEAC, del consolato romeno a Torino, che ha aperto la serata con un minuto di silenzio in memoria dei giovani ragazzi che hanno perso la vita nel terribile incendio a Bucarest.
Tra i partecipanti sono stati presenti il gruppo di ballo folcloristico “Dagli antenati tramandato”, i cantanti popolari della band ” Ardealul din Milano”, Dinu e Adelina Hapenciuc, i cantanti Gicu Pitirut, Roxana Corban, Cecilia Luca, Dana Gavriliu Parfene, Gabriela Avram e il coro della chiesa Santa Parascheva.

wpid-picsart_1447028882805.jpgEvento organizzato dalla cantante Aurora Pala in collaborazione con la Chiesa ortodossa romena “Sf. 40 de mucenici din Sevastia”, chiesa unica in Italia come architettura con il suo stile di zona Maramures- Romania, rappresentata da Parocco Marius Floricu.

wpid-picsart_1447026175544.jpgwpid-picsart_1447024203209.jpgwpid-picsart_1447025067617.jpgwpid-picsart_1447023316019.jpgwpid-picsart_1447024101434.jpgwpid-picsart_1447023438854.jpgwpid-picsart_1447025689958.jpgwpid-picsart_1447026366382.jpgwpid-picsart_1447025451110.jpgwpid-picsart_1447024422626.jpgwpid-picsart_1447025382019.jpgwpid-picsart_1447026067631.jpg

wpid-picsart_1447023146093.jpgwpid-picsart_1447029240497.jpgwpid-picsart_1447028919861.jpg

 

 

Serata dedicata alla Romania nell’ambito del Festival Musica delle Nazioni a ERBA (Como)

Mercoledi, 16 settembre 2015; ore 21 00

Indirizzo: Castello di Pomerio, via Como 11, Erba (CO)

Accademia Europea di Musica con il patrocinio di Comune di #Erba, Regione #Lombardia, #EXPO #Milano 2015 organizza anche quest’anno il #festival Musica delle Nazioni – festival arrivato alla XI-a edizione, interamente dedicata a Expo 2015. La rassegna propone cinque serate dedicate ad altrettante nazionalità del globo: Polonia, Lituania, Giappone, Corea, #Romania, Svizzera ed Islanda, rappresentate da musicisti e compositori che offriranno il loro omaggio musicale al Italia all’Italia.

La Romania sarà presente nel festival il 16 settembre, ore 21 00 con la #musica di Ciprian Porumbescu e Constantin Dimitrescu

in un #concerto con la partecipazione straordinaria di due artisti romeni:

Stefan COLES (violinista) e Adrian VASILACHE (pianista).

I biglietti d’ingresso (15 euro intero e 12 euro il ridotto) si possono prenotare al numero di telefono: 031.626519 oppure all’indirizzo accademiadimusica@libero.it

Prima del concerto sarà una degustazione dei prodotti tipici del Paese.

E gradita la prenotazione.

Adrian VASILACHE – Nato a Bucarest in una famiglia di musicisti, segue tutti i gradi dell’istruzione musicale fino al diploma di maturità del Liceo musicale, poi, studia presso l’Accademia di Musica “Ciprian Porumbescu”. Laureato in numerosi concorsi internazionali, vincitore a Bucarest – 1978, Senigallia – 1980. Svolge una ricca attività concertistica e didattica, incide per le radio e televisioni: romena , italiana spagnola , inglese; italiana (RAI). Dal 1979 vive e lavora in Italia dove suona per le più prestigiose stagioni di: Milano, Trieste, Torino, Roma, Cagliari, Bari, San Marino, Bologna, Catania, Messina, Ancona. Dal 1990 collabora anche col Teatro alla Scala di #Milano, come maestro sostituto del direttore – Sawalisch, Muti ed altri, tiene numerosi corsi di perfezionamento in Piemonte, Sicilia e Spagna. E’ docente di ruolo presso il Conservatorio di musica di Foggia ed attualmente, presso l’Istituto di Alta Formazione Musicale “G.B:Pergolesi” di Fermo; All’estero,suona in Spania, Portogallo, Svizzera, Romania, Germania; E’ l’ideatore e direttore artistico del ciclo di conferenze – concerto “ La musica parla a tutti”; è fondatore e principale realizzatore del programma “La Musica nella didattica” – ciclo di conferenze-concerto. I più recenti concerti comprendono, oltre un vasto repertorio classico e romantico, autori italiani inediti o poco eseguiti. Dal 1973, l’anno del suo debutto, ad oggi, ha tenuto più di 2.000 concerti.

Ștefan COLEȘ – Nato a Bucarest. Laureato in violino e pedagogia all’Accademia di Musica di Bucarest, prosegue il perfezionamento a Sion in Svizzera e a Cremona con Salvatore Accardo. Già primo violino di spalla del Teatro Regio di Torino nel 1982, è stato primo violino di spalla al Teatro Massimo di Palermo dal 1988 al 1991. E’ promotore e direttore artistico dell’Accademia Europea di Musica di Erba, essendosi sempre interessato all’insegnamento, all’estetica musicale ed alla musica contemporanea. Membro di importanti complessi da camera, collabora con “I Musici” di Roma, partecipando a concerti, festival e tournée in Europa, Asia e America. Ha registrato per la Philips, Claves, Ricordi e per RAI. Ha fatto parte di numerose giurie di concorsi nazionale e internazionali. Tiene da diversi anni Master class di violino e musica da camera in Germania, Italia, Croazia e Spagna. Suona uno strumento di “scuola napoletana” di fine 700.

 

Venezia mostra di Daniela Nenciulescu “L’OMBRA DELLE FALCI E LA STELLA POLARE” fino al 24 luglio

PICCOLA GALLERIA DELL’ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA VENEZIA Dal 3 al 24 luglio 2015

image-28 image-33  image-41Attraverso una selezione di opere tratte dal ciclo L’ombra delle falci e la Stella Polare e L’annunciazione, Daniela Nenciulescu presenta negli spazi dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, gli ultimi lavori scultorei. “L’allegoria”, scrive Anna Comino nella presentazione in catalogo, “è entrata prepotentemente nelle trame taglienti delle sue opere. (…) Quella sotterranea crisi individuale e storica che ha seguito quasi inconsciamente lo spirito errante della scultrice, appare allo scoperto e si mostra proprio grazie a sé stessa, alla sua stessa esistenza. (…) Dopo anni

di vita “sradicata”, senza casa, Daniela recupera improvvisamente il centro delle sue origini (…) sospeso tra sacro e profano, fede e superstizione, Oriente e Occidente (…). Ogni scelta ruota intorno al viaggio metaforico e r eale (che è sì partenza, ma spesso anche fuga), al ritorimage-180no (o resa dei conti) e alla speranza. Tre temi che completano e arricchiscono il lavoro. L’artista aggredisce con rinnovata energia i ferri che le si presentano davanti. Scorpora rapidamente con tagli profondi e sicuri elementi sfregiati a vivo, saturi del rancore accumulato e dell’improvvisa pace che ha toccato il suo animo”. Alcune raffinate carte affiancano le opere plastiche indagando la tridimensionalità attraverso un uso anomalo image-60della superficie del foglio, che evidenzia, ancora una volta, come il taglio sia l’elemento portante della costruzione della forma. Chiude l’esposizione un piccolo ciclo di libri d’artista, nei quali le poesie di Florentina Niţă e Paola Pennecchi danno voce ai mobili corpi cartacei, intrecciando indissolubilmente parole e immagini. “I libri scultura diventano essi stessi elementi del percorso, quasi diari trasportabili, costanti spunti di riflessione sul significato del viaggio. Che è sì partenza, ma nel caso specifico di Daniela Nenciulescu è un’odissea che coincide con l’esilio, cioè allontanamento senza possibilità di ritorno, e che oggi, dopo lunghi anni, vuol dire anche Acasă, a casa”. Catalogo Edizioni Memoria disponibile in galleria. Testi in catalogo: Micaela Ghiţescu, Presidente Fondazione Culturale Memoria Virgil Ștefan Niţulescu, Presidente della Rete Nazionale dei Musei della Romania, Direttore Generale del Museo Nazionale del Contadino Romeno, Bucarest, Romania Susanna Zatti, Direttore Musei Civici, Pavia Anna Comino, storico dell’arte,image-25 (1) curatore Con la collaborazione di: ISTITUTO ROMENO DI CULTURA, BUCAREST, ROMANIA INSTITUTUL CULTURAL ROMÂN, BUCUREȘTI, ROMÂNIA Piccola Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia Mica Galerie a Institutului Român de Cultură și Cercetare Umanistică Veneția 
Palazzo Correr (Campo Santa Fosca)
Cannaregio 2214, 30121 Venezia
info: +39 041 524 2309
www.icr.ro/venetia
Orari : da martedì a domenica ore 10.00 – 12.00 e 16.00 – 19.00

Poesia dedicata alla festa della camicia folkloristica (ia), di Paula Chibici

“Ia” è una camicia indossata dalle donne, caratteristica del porto rumeno nazionale, fatta di lino bianco e  canapa, cotone, lino o “baha”. “Ia” è ornata di ricami o cuciture. In Banato i ricami molto spesso si combinano con pizzo e ricami è ornata con “sabace”, ornamenti realizzati  in stoffa. Continua a leggere “Poesia dedicata alla festa della camicia folkloristica (ia), di Paula Chibici”

Il festival della camicia folkloristica (ie) a Verona

L’amore per la tradizione ha riunito le comunità romene a Verona, in una splendida giornata di sole, per festeggiare insieme la camicia artigianale ricamata che si celebra il 24 giugno! Camicia che una volta le nostre nonne preparavano come dote ai figli che si sposavano! Camice e non solo, cuscini, tende, tovaglie e tovagliogli, ricamati con cura e con tanta passione, sopratutto d’inverno vicino al caminetto riempito di legna che veniva tagliata e preparata sempre dai nonni per gli inverni molto freddi!

Continua a leggere “Il festival della camicia folkloristica (ie) a Verona”

Il 24 giugno si celebra la festa del costume folkloristico romeno (ie)

 

traduzione e adattare testo di  Elena Narcisa Voinea  : sursa  foto internet e La Blouse Roumaine si Silvia Floarea Tőth

“Ia” è una camicia indossata dalle donne, caratteristica del porto rumeno nazionale, fatta di lino bianco e  canapa, cotone, lino o “baha”. “Ia” è ornata di ricami o cuciture. In Banato i ricami molto spesso si combinano con pizzo e ricami è ornata con “sabace”, ornamenti realizzati  in stoffa.

Continua a leggere “Il 24 giugno si celebra la festa del costume folkloristico romeno (ie)”

EXPO 2015. :Conferenza: “Alimentazione.Cibo e malattia. Dov’è il confine?

Conferenza: Alimentazione. Cibo e malattia. Dov’è il confine?

Dott. Gheorghe CERIN – EXPO Milano 2015 Il Centro Culturale Italo Romeno in collaborazione con Il Padiglione della Romania, Cardioteam Foundation onlus e Policlinico di Monza, presidio Clinica San Gaudenzio di Novara hanno il piacere di invitarVi, sabato 27 giugno 2015, ore 16 00 presso il Padiglione della Romania, EXPO Milano 2015 – alla conferenza…..

leggi articolo……

http://culturaromena.it/Home/tabid/36/articleType/ArticleView/articleId/955/EXPO-2015-Conferenza-Alimentazione-Cibo-e-malattia-Dove-il-confine-Dott-Gheorghe-Cerin.aspx

wpid-cibo-e-malattia-1.jpg.jpeg

 

Concluso con successo il 24° Premio Internazionale di Poesia di Triuggio

Emozioni, entusiasmo e parole semplici, riuniscono una volta all’anno i piccoli e i grandi poeti nella splendida cornice della Villa Taverna di Triuggio.

20150607_162420_42512

Il Pres. del Centro Culturale Giovani e Poesia, Alessandro Villa, organizza ormai da ben 24 anni questo evento dove per una volta all’anno le persone coinvolte vengono da tanti paesi diversi per ricevere un premio importante e unico, che è quello della Poesia dedicato ai poeti che partecipano a questo evento.

Dalla Romania (Brasov, Suceava, Galati ecc) sono i ragazzi premiati.

PicsArt_1433727928364PicsArt_1433774766195PicsArt_1433777765472

Sono stati presenti alla manifestazione anche i rappresentanti dei vari consolati tra qui anche George Milosan il console generale romeno a Milano.

Per la seconda volta nella storia del premio, è stata consegnata come diploma speciale da parte della Camera dei Deputati Italiana – la Medaglia d’argento per Marius FLOREA (Collegio UNIREA di BRASOV)PicsArt_1433774628503

Sono intervenuti Florentina NITA (poeta e giornalista) che ha ottenuto due premi alla presente edizione del concorso, Vlad SCOLARI (attore e regista), Violeta POPESCU (responsabile CCIR).PicsArt_1433774499548

Dopo la cerimonia di premiazioni Il Centro Culturale Italo Romeno di Milano ha organizzato un incontro con  il gruppo di studenti arrivati dalla Romania  all’Expo presso il Padiglione dell Romania dove hanno recitato delle poesie e hanno sentito una splendida artista la Mariana Preda che è una virtuosa del Flauto di Pan. Nata e cresciuta in Romania si iscrive al liceo di musica di Targoviste. Qui ha l’occasione di conoscere il “Re del Flauto di Pan” Gheorghe Zamfir che diventa il suo modello di ispirazione musicale. Mariana ha partecipato a numerosi concorsi di musica in Romania dove si è sempre aggiudicata il primo posto. Nel 2011 ha vinto l’Olimpiade nazionale nella categoria fiati e ha vinto il concorso nazionale “Maria Tanase” nella sezione strumentale. Il suo repertorio spazia dalla musica classica a quella leggera a quella dell’opera. Mariana è inoltre la protagonista del cortometraggio “Doina” diretto da Nikolas Grasso con cui ha vinto due premi quale migliore attrice. Ha partecipato a numerosi programmi televisivi romeni e ha suonato in diverse location di grande rilievo tra cui la “Sala Radio”, “l’Opera di Bucarest” e la sede del “Parlamento Romeno” che è il secondo edificio più grande al mondo dopo il Pentagono. Attualmente studia presso ll Conservatorium Van Amsterdam.

PicsArt_1433774943254PicsArt_1433774860948PicsArt_1433774154834

PicsArt_1433774321587PicsArt_1433774717348PicsArt_1433775142237

PicsArt_1433779473683

Articolo Brianza Più

A Triuggio parte, nel 1988-89, la storia di un  sogno che si realizzerà nella fondazione, un anno dopo, del CENTRO GIOVANI E POESIA. Una associazione di volontariato socio-culturale, imperniata sull’approccio alla poesia come esperienza di crescita umana. A..A..A , autonomia,autogestione ed autofinanziamento, questa la piccola utopia con cui il Centro è nato e si è sviluppato in questi anni. Una piccola associazione (attualmente conta circa 50 soci, sparsi per l’Italia e l’Europa) con grandi progetti, in parte realizzati ed, in parte, in via di realizzazione: dall’ esperienza dei laboratori di poesia, al Premio Internazionale e gli accordi per la costituzione di  Laboratori permanenti di poesia all’ estero, come momenti di un dialogo interculturale che vede la Poesia come soggetto-oggetto, come protagonista in grado di favorire l’incontro ed il gemellaggio.

Come si è giunti a tutto questo e su quali basi è un po’ il segreto, se vogliamo, la caratteristica del Centro. Una piccola associazione ha maggiore duttilità operativa e capacità di protagonismo ma ha anche lo svantaggio di minori possibilità organizzative e finanziarie, perciò si è cercato di agire sempre tramite sinergie tra enti, singoli ed associazioni, offrendo, come “partner”, il patrimonio di esperienze, per avviare e gestire iniziative e progetti, impensabili in chiave solitaria…

Ecco allora che dal Laboratorio di poesia si passa al Premio Internazionale e da questi ai Laboratori permanenti, coinvolgendo innanzitutto le Amministrazioni Comunali e poi i possibili “sponsor” o collaboratori dal punto di vista economico-finanziario.

“I Laboratori: dove e perché nascono? L’idea parte da una felice intuizione di Ezra Pound all’inizio del Novecento, contenuta nei suoi “Saggi”, pubblicati in Italia nei “Meridiani” Mondadori, che ebbi modo di sviluppare in un “metodo operativo” e di sperimentare nelle Scuole. Pound è un autore che, per i suoi risvolti politici e la sua storia, pochi hanno avuto l’occasione di conoscere ed affrontare. Alcuni anni fa, parlando con dei poeti ucraini, ebbi modo di scoprire che nell’Est europeo era del tutto sconosciuto, perché escluso dalla Enciclopedia sovietica, ma anche in Occidente, il suo passato di collaborazionista del regime fascista e la condanna post bellica del Tribunale americano, non hanno favorito la lettura dei suoi testi. Alcuni anni fa è uscito un testo, che ha avuto molto successo, dal titolo “La Poesia salva la vita”; ebbene, in questo libro sono tantissimi i riferimenti alla esperienza poundiana, anche se non esplicitati”.

PicsArt_1433726813343

foto Felicia Chiciorangea

25^  EDIZIONE  Premio Internazionale CENTRO GIOVANI E POESIA TRIUGGIO 2015 – 2016

Bando di concorso

Art. 1

Il Centro Giovani e Poesia di Triuggio, con la collaborazione del Comune,  della Banca di Credito Cooperativo Valle del Lambro, del Parco Valle Lambro, del Centro Culturale Italo-Romeno di Milano, dell’Associazione per la Cultura Bulgara in Italia, della Prometheus Editrice di Milano ,il patrocinio dell’Università del Tempo Libero della Valle del Lambro, della Pro Loco Triuggio, dell’A.N.M.I.G. Sez. di Monza e Brianza e dell’I.P.A. Brianteo, bandisce la 25^ edizione del Premio Internazionale omonimo, riservato ad autori in lingua italiana.

Art 2

Il Premio si suddivide in 7 sezioni

  • A)  per ragazzi/e sino al 12° anno di età compiuto;
  • B)  speciale Scuole;
  • C) per i giovani dai 13 ai 17 anni compiuti;
  • D)  per autori dal 18° anno d’età compiuto in avanti;
  • E) per silloge inedita;
  • F) per Foto-Poesia a soggetto Natura/Ambiente/Società;
  • G) speciale A.N.M.I.G. ,dedicata alla promozione “del sentimento di fratellanza,dell’amore della libertà e difesa della Pace”;

Compatibilmente con le norme del presente bando, è possibile partecipare a più sezioni.

Si partecipa: nelle sezioni A – C – D con un massimo di 3 poesie a tema libero; nella sezione E, con un minimo di 20 ed un massimo di 35 poesie, che costituiscano una raccolta, anche senza titolo, con indice e numero poesie partecipanti; nella sezione B possono partecipare singoli o gruppi, di  una  o  più classi, con 1 componimento a tema libero,che sia risultato di un progetto comune nell’ambito scolastico, nella sezione F con una poesia abbinata ad una foto; nella sezione G con un massimo di 3 poesie ispirate al tema della “fratellanza tra i popoli, l’amore della libertà e la difesa della pace”.

Contributi alla partecipazione delle sezioni

  • Sezioni A – B – G gratuite; •Sezione C un contributo di Euro 10,00; •Sezione D un contributo di Euro 15,00; •Sezione E un contributo di Euro 10,00, •Sezione F di Euro 5,00.

Saranno ammessi gratuitamente autori provenienti da Paesi extra U.E. che ne facciano richiesta motivata, acclusa alle opere inviate, le quali potranno avere  testo bilingue (originale più italiano).

La Segreteria del Premio si riserva comunque di ammettere autori gratuitamente con apposito invito.

I contributi dovranno essere versati esclusivamente in contanti o sul Conto IBAN:IT80Z0890133930000000008481-SWIFT: ICRAITRRP10. Intestato ASS. CENTRO GIOVANI E POESIA.  Le somme ricavate saranno interamente finalizzate a copertura spese.

Art. 3

Tutti i componimenti dovranno essere inediti. Gli autori dovranno dichiarare, a margine dell’originale,di esserne creatori e proprietari e la Sezione a cui partecipano. Le Scuole partecipanti alla sez.B dovranno allegare l’elenco coi dati degli alunni (v.art.4) e delle opere, con eventuale presentazione o commento.

I partecipanti alla sez C dovranno allegare fotocopia di un documento da cui sia rilevabile la data di nascita. I dati personali forniti saranno utilizzati solo per fini inerenti la manifestazione e nel rispetto delle norme di tutela vigenti.

Art. 4

Le poesie ed i lavori dovranno pervenire in 7 copie (solo per la sez. F e G in 2 copie) di cui solo una dovrà contenere nome, cognome, età, indirizzo, nazionalità e/o luogo di nascita, recapito telefonico, dell’autore (o della Scuola) ed eventuale e-mail. Le poesie dovranno essere spedite, unitamente a copia di ricevuta del versamento ed agli allegati richiesti dal bando (v. art. 3), entro il 31 gennaio 2016 all’indirizzo:

Centro Giovani e Poesia – viale Indipendenza,25 – I – 20844 Triuggio (MB) Italia.

Per l’ammissione, farà fede il timbro postale di spedizione purché il tutto pervenga entro il 10° giorno successivo alla data di scadenza succitata.

Le poesie pervenute oltre i termini di ammissione saranno cestinate ed il contributo incamerato. Per i casi dubbi, l’ammissione sarà decisa dalla Commissione Selezionatrice.

Art. 5 

I premi sono così suddivisi:

  • Sezione A Medaglie d’argento ai primi 3 classificati.
  • Sezione B 1^ rappresentativa scolastica classificata Euro 100,00; Targhe alle 2^ e 3^ classificate.
  • Sezione C  classificato Euro 150,002°-3° classificato medaglia d’argento.
  • Sezione D  classificato Euro 250,00;2°- classificato medaglia d’argento.
  • Sezione E-F Medaglie e Trofei ai primi 3 classificati

( con favorevole contratto editoriale,nel caso di pubblicazione presso l’Editrice Prometheus, per Sez.E).

Sono previsti inoltre:

  • Medaglia/Targa del Presidente della Camera dei Deputati
  • Premio Speciale dell’Editrice Prometheus.
  • Premio Speciale miglior componimento dedicato alla mamma “in memoria di Bruna Baroni”.
  • Premio Speciale “in memoria di Ettore Villa” al miglior giovane autore.
  • Premio “Andrea Negrotto Cambiaso” al miglior testo che sottolinei i valori della vita.
  • Premi Speciali offerti da Pro Loco Triuggio ed Università del Tempo Libero della Valle del Lambro.
  • Premi Speciali ai migliori componimenti a tema ambiente e natura.
  • Premio Speciale “in memoria di Eugenio Bentivegna” per miglior testo di giovane autore.
  • Altri premi e riconoscimenti eventualmente attribuiti dalla Commissione o dalle Giurie.

 Art. 6

I Membri della Commissione e delle Giurie saranno resi noti solo a lavoro ultimato. L’operato della Commissione e delle Giurie è insindacabile ed inappellabile. Dell’esito si darà comunicazione a mezzo stampa e in Internet su siti specializzati. In particolare il Verbale dei risultati verrà inserito nel sito del Centro mentre il bando integrale e i vincitori saranno leggibili nel sito internet  www.literary.it .

Art. 7

La cerimonia di premiazione si terrà domenica 5 giugno 2016. Saranno informati soltanto i premiati. I premi dovranno essere ritirati personalmente o mediante delega scritta (escluso assegni) e se non richiesti, entro 15 giorni dalla cerimonia, saranno incamerati. Eventuali spese di spedizione saranno a carico del richiedente, ad eccezione delle ammissioni gratuite di cui all’art. 2 del bando. Gli assegni non verranno spediti.

Art.8

Le poesie premiate ed alcune estratte dalle prime classificate delle varie sezioni saranno raccolte in una antologia a cura della Ed. Prometheus e potranno essere pubblicate.

La partecipazione implica l’accettazione integrale del presente bando. Di eventuali plagi risponderanno personalmente gli autori; il Centro si riserva la facoltà di comunicare alla stampa i casi eventuali, al fine di consentire ai proprietari di tutelarsi.

Ulteriori informazioni potranno essere richieste direttamente al Centro: Viale Indipendenza, 25 –I  20844 Triuggio (MB)

 alex.villa@alice.it

oppure al seguente recapito telefonico: 0362970302 (tel. fax e segreteria)

www.centrogiovaniepoesia.com

Verona: alla festa dei popoli spiccano i colori del tricolore romeno!

Alla Festa dei Popoli di Verona , non poteva mancare anche la Romania,  rappresentata dalla comunità numerosa sul territorio,  tra balli canti e costumi tradizionali con la bandiera tricolore, come se volessero gridare al mondo –  “siamo fieri di essere romeni”!

La parte artistica è stata coordinata da Zlatov Claudia, che ha reso ancora più speciale ed emozionante la partecipazione a questo evento unico e significativo per tutta la comunità!

11377286_983985591651553_2374204802762716549_n

1524932_983990134984432_8753798057385261802_n11225272_983980914985354_4866349268456433694_n

Un forte messaggio di cultura e solidarietà arriva dalla comunità romena di Verona durante la Festa dei Popoli, un’evento dove le persone si incontrano si conoscono mettendo alla luce del sole i colori dei loro costumi e delle loro tradizioni.

La domenica a Villa Buri diventa da una parte l’opportunità in cui i rappresentanti delle diverse culture possono raccontarsi, dall’altra un’occasione per i cittadini veronesi di conoscere le tradizioni, le storie ed i profumi per vincere i pregiudizi.

Il Centro Missionario Diocesano è l’organismo coordinatore della Festa dei Popoli. Promuove l’incontro delle varie associazioni e organismi, con essi prepara l’organizzazione e i contenuti.

11249560_983990818317697_6612022396507628755_n

11215707_983985018318277_5919895976023600724_n11377074_983987818317997_245712242253795683_n

La Festa dei Popoli si propone di educare alla  mondialittà e alla gioia dello stare insieme. Ciascuno allo stesso livello porta i suoi doni di cultura i suoi valori sociali e religiosi, le sue espressioni di gioia e dì vita, Si eviti ogni strumentalizzazione politica di parte o di interesse.

La Festa dei Popoli si propone con iniziative diverse, che coinvolgono la nostra società e la Chiesa locale di promuovere l’attenzione alle minoranze, il rispetto di altre razze, culture e religioni, di fare sensibilizzazione attraverso i mass-media all’accoglienza e alla solidarietà. La Festa dei Popoli è il momento dove tutti i popoli, organismi, associazioni che promuovono i valori umani, sociali e cristiani si ritrovano per esprimere nella gioia il loro impegno all’amore e alla fratellanza universale.

10409236_983987628318016_7430814529276534126_n

ORGANIZZATA DA: Centro Pastorale Immigrati Centro Missionario Diocesano Caritas Diocesana Veronese Missionari Comboniani Cestim Associazione degli Immigrati Movimento dei Focolar

http://www.giovaniverona.it/articolo/festa-dei-popoli-2015/339

http://www.lafestadeipopoli.it/verona/?page_id=31